La Corazzata Magenta

La Corazzata Magenta

La fregata corazzata Magenta fu costruita tra il 1859 e il 1861 a Brest su progetto di Dupuy de Lôme. Il 31 ottobre 1875, nave ammiraglia della flotta del Mediterraneo, il bastimento in fiamme esplose nel porto di Tolone. Esso aveva imbarcato a Tunisi i reperti archeologici ottenuti dagli scavi effettuati a Cartagine da Pricot de Sainte-Marie, interprete del Consolato di Francia a Tunesi per conto dell’Istituto di Ricerca. Nell’aprile del 1994 il relitto della corazzata è stato localizzato con l’aiuto di un magnetometro a 15 metri di profondità nel porto militare. Un primo sondaggio permette di mettere in luce due frammenti di stele. Nell’aprile-maggio del 1995 un recupero effettuato con l’aiuto materiale della Marina Nazione e il patrocinio dell’Istituto di Ricerca ed Archeologia Navale e dell’Associazione Louis Roeder, riporta alla luce la testa della statua dell’imperatrice Sabina sposa dell’imperatore Adriano che regnò tra il 117 e il 138 dopo Cristo. In maggio-giugno 1997, una seconda campagna di recupero ha permesso il ritrovamento di una sessantina di frammenti di stele puniche. Queste stele erano state trovate dal 1874 al 1875, durante il recupero delle mura romane, nel punto più alto dell’antica Cartagine, dove si effettuavano i sacrifici. Ogni stele commemorava un sacrificio offerto alla sposa di Baal. Nel settembre del 1998 una terza campagna di recupero effettuata con il sostegno del Consiglio Regionale della Provenza-Costa Azzurra ed il patrocinio della Fondazione Polignac, ha permesso di portare alla luce altre 77 stele delle quali una quarantina con iscrizioni e decorazioni ed altri frammenti della statua dell’imperatrice Sabina.

NomeMagenta
Tipofregata corazzata di 1ª classe
ClasseMagenta
UnitàMagenta
Solferino
CantiereArsenale della Marina di Brest
Impostazione22 giugno 1859
Varo22 giugno 1861
Completamenton.d.
Servizion.d.
Dislocamentonormale 6.715 tonn.
Dimensionilunghezza f.t. 86 m.
larghezza 17,27 m.
immersione 8,69 m.
Propulsione1 motrice alternativa orizzontale con biella di ritorno
9 caldaie ovali
potenza 3.450 ihp
1 elica
Velatura mq. 1.672
Velocità13 nodi
Autonomian.d.
Combustibilecarbone 740 tonn.
Protezionepiastre di ferro
cintura 120 mm.
torrione 120 mm.
Armamento16 pezzi singoli da 55 libbre a canna liscia
34 pezzi BL M1860 da 160 mm.
2 pezzi Howitzer da 220 mm. ad avancarica
Equipaggiopermanente effettivo 674
di complemento 1.348
Disarmoaffondata il 31 ottobre 1875
Radiazionen.d.
Destinodemolita nel 1882
Note tecnicheProgettata da Dupuy De Lomé.
Scafo in legno dello spessore di 65 cm. corazzato in piastre di ferro per tutta la sua lunghezza.
Aveva i cannoni in batteria su due ponti.
In origine disponeva di armamento velico a brigantino a palo.
Nel 1864 venne incrementata la velatura modificando l’armamento velico in nave e passando da 1.672 a 2.508 mq.
Negli anni successivi, aumentando l’affidabilità dei motori, la velatura venne nuovamente ridotta.
Fu la prima nave corazzata ad avere lo sperone.
Note storicheLa potente fregata Magenta era stata varata a Brest nel 1861, ed era la nave ammiraglia della Flotta Francese in Mediterraneo.
Stava trasportando un carico di grande valore archeologico, che comprendeva più di 2000 stele puniche provenienti dalla necropoli di Tophet (Cartagine) e una statua marmorea dell’ Imperatrice Sabina quando, il 31 Ottobre 1875, un incendio nel posto di guardia causò un’esplosione interna che la fece affondare nel porto militare di Tolone.
Recuperata, il relitto venne demolito nel 1882.
DidascaliaLa prua della Magenta con l’aquila napoleonica.
Foto 

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi sempre restare aggiornato sulle nostre attività, se vuoi essere sempre informato su eventi o manifestazioni, se hai piacere di ricevere ogni mese la versione digitale di MAGENTA NOSTRA e tanto altro ancora, compila il form qui a fianco e iscriviti alla nostra newsletter.
La sottoscrizione potrà essere rimossa in qualsiasi momento.