Università del Magentino

banner testata5

Menu

directadmin hosting

https://www.good-webhosting.com/ directadmin hosting

La Rievocazione

Rievocazioni Storiche

 rievocazioni1

Magenta è famosa in Italia e nel mondo per la storica Battaglia del 4 giugno 1859, episodio della seconda Guerra d´Indipendenza in Italia combattuta tra gli austriaci e i franco-piemontesi. Tale avvenimento ha segnato una delle pagine più significative della storia della nostra città, storia che lega Magenta al Risorgimento italiano e dunque all´Italia intera. La Battaglia di Magenta è ricordata infatti come tappa importante della storia del nostro Paese per la conquista dell´Indipendenza e per la realizzazione dell´Unità d´Italia. Infatti, senza la vittoria dei franco-piemontesi a Magenta che ha aperto la strada alla liberazione di Milano dalla dominazione austriaca, la storia d´Italia forse sarebbe stata diversa. Ogni anno Magenta ricorda questo importante episodio storico con celebrazioni che si sono ormai affermate come un evento che coniuga la storia e la cultura ai valori della amicizia, della solidarietà e della fratellanza fra popoli. Un evento animato dal desiderio di rinsaldare la nostra identità nazionale e, soprattutto, quella europea sottolineando le forti radici comuni che uniscono i Popoli che durante il Risorgimento si fronteggiarono. Festeggiamenti che sono diventati negli anni un appuntamento di assoluto rilievo per la nostra città, la Regione Lombardia e per il nostro Paese tanto da richiamare a Magenta migliaia di persone insieme ad autorità rappresentanti dei Paesi che hanno combattuto nel 1859.    Le celebrazioni hanno il loro momento culminante nella rievocazione storica in costume e salve d´epoca della Battaglia del 1859, l´unica rievocazione di quel periodo che si svolga in Italia ed in Europa, tanto che vi partecipano gruppi stranieri che non avrebbero la possibilità nelle loro nazioni di dar vita ai reparti che rappresentano. I gruppi riproducono fedelmente il mondo delle armate Franco-Sarda e Austroungarica del 1859 nelle divise, nella vita giornaliera al campo, nell´addestramento, nel modo di muoversi sul terreno durante le diverse fasi dei combattimenti, negli ordini in lingua originale, con l´utilizzo di armi autentiche dell´epoca. Centinaia di figuranti (soldati, vivandiere, popolani) che, con cavalli e pezzi d´artiglieria, danno vita ad un´indimenticabile esibizione ad assoluto carattere didattico. E´ con piacere che invito dunque a Magenta per rivivere un fondamentale episodio della nostra Storia e per ripercorrere i luoghi da cui ebbe inizio l´Unità d´Italia.

Le immagini

 foto realizzate da Foto in Fuga

I Video

 

Magenta Nostra 25°

La Biciniviri

La Biciniviri

bicinivirilogo


Pagina in costruzione

2014 - 31° Edizione

Partenza insolita per la trentunesima BICINIVIRI. Era infatti ‘tradizione’ che la partenza avvenisse alla Casa di Accoglienza. Ma quest’anno era il ‘loro’ ventesimo di fondazione ed erano tutti impegnati, sotto il tendone all’aperto di via Matteotti, per la loro festa. Siamo dunque partiti in oltre un centinaio, proprio dal tendone, restando così fedeli alla tradizione. Anzi, siamo pure tornati al pomeriggio, per la conclusione della nostra 31° Biciniviri e dei festeggiamenti del loro ventesimo; salutando anche don Giuseppe Locatelli -presente sin dal mattino per la messa e per il pranzo sotto la tenda all’aperto. Partiti dunque verso le nove ci siamo subito diretti a Boffalora e da li, via Naviglio, a Bernate. Qui interessantissima visita guidata della Canonica quattrocentesca: molti -e non solo dei molti ‘forestieri’ che frequantano la Biciniviri- non l’avevano mai vista ‘da vicino’; sicuramente mai visitata all’interno. Quindi puntata al ‘calendario celtico’ realizzato più di vent’anni fa dal Parco del Ticino e percorso -splendido- nel folto dei sentieri del Parco sino a Casterno dove il risotto preparato dal collaudato gruppo ‘cuochi’ di Robecco è andato ‘a ruba’!. Tempo splendido, colori sgargianti nei lampi di sole, morbidi quando le velature nuvolose (opportunamente ‘predisposte’ dall’organizzazione per non affaticare con l’eccessivo caldo i partecipanti) rinfrescavano l’aria…compagnia piacevole, luoghi incantati, pranzo godibilissimo. Che altro chiedere? (beh, qualcuno -infatti propone una ripetizione autunnale!).

2015 - 32° Edizione

La Mappa Interattiva

Accendi e spegni le categorie di tuo interesse.

{hotspots hotspot=3,4}

Altri articoli...

  1. Vuoto