Home Page

banner testata5

Menu

La Bacheca della Pro Loco Magenta

  • Home
    Home Questo è dove potete trovare tutti i post del blog in tutto il sito.
  • Categorie
    Categorie Consente di visualizzare un elenco di categorie di questo blog.
  • Tags
    Tags Consente di visualizzare un elenco di tag che sono stati utilizzati nel blog.
  • Bloggers
    Bloggers Cerca il tuo blogger preferito da questo sito.
  • Archivio
    Archivio Contiene un elenco di blog che sono stati creati in precedenza.

TRADIZIONE E INNOVAZIONE

Inviato da in News
  • Dimensione carattere: Maggiore Minore
  • Visite: 3049
  • Stampa
  • Segnala questo post

E cominciamo -come ovvio- dalla tradizione, cioè dalla BICINIVIRI: la manifestazione più longeva della Pro loco Magenta. Sarà il fascino delle campagne del nostro territorio, così belle nel verde maturo della tarda primavera. Quando l’aria non è più fredda, ma non ancora così calda da scoraggiare una pedalata. Che -del resto- è una pedalata/passeggiata! Tranquilla, calma, assolutamente non competitiva. Dove -oserei dire- vince chi arriva ultimo; perché vuol dire che più degli altri s’è goduto il ristoro dello scorrere delle acque del Naviglio (è ovvio che per chiamarsi così, il percorso -poco o tanto- deve intersecarlo, il ‘nostro’ Naviglio), dei campi di grano, rossi di papaveri in fiore. Della frescura e dei profumi mattutini del boschi attraversati (talvolta inaccessibili se non in occasioni come questa). Adriano, ogni anno, si ingegna di disegnare un percorso diverso, di programmare una sosta-ristoro in punti sempre nuovi. E anche in questo è il segreto del successo della manifestazione: i paesaggi che -pur ad un tiro di sasso dalle nostre case- spesso ignoriamo, piano piano diventano conosciuti e dunque amati, talvolta ritrovati poi escursioni personali che ci legano ancor più al nostro territorio e ci motivano alla sua preservazione. Poi c’è il piacere dello stare insieme, anche nel pranzo (molto spesso ‘risottone’ speciale) che sempre conclude la manifestazione. Piacere dello stare insieme a tavola tra amici, che è anche una delle ragioni del successo della prima edizione di ‘Suoni e sapori di storia’ dello scorso 6 giugno.Successo che ci sprona a fare ancor meglio quest’anno: la sera di venerdì 3 giugno. Ovviamente ne riparleremo con maggiore dettaglio nel prossimo numero di Magenta Nostra. Ma già da ora prendete nota di questo appuntamento (cominciando a segnarlo sulla vostra agenda) che certo diventerà un’altra piacevolissima ‘tradizione’ magentina. Infine la novità! Da quest’anno è possibile destinare il due per mille dell’IRPEF corrisposto allo stato ad associazioni che 1) non abbiano scopo di lucro e 2) operino da almeno cinque anni. Abbiamo prontamente presentato tutta la documentazione richiesta, avendo entrambe le caratteristiche previste. Stiamo -mentre scrivo- attendendo la comunicazione dell’accettazione della Pro loco Magenta nel novero delle associazioni ammesse a questo riparto; ma non dubitiamo della conclusione positiva della pratica perché le condizioni necessarie ci sono entrambe, e non ne risultano altre. Dunque prestate attenzione, cari concittadini, amanti di questa città o comunque estimatori di quanto fatto dalla Pro Loco nella più che trentennale sua storia: mantenere risorse -poche o tante che siano- sul territorio affinchè lo arricchiscano di manifestazioni volte alla sua conoscenza, conservazione e fruizione è una opportunità che, pur non costando nulla al contribuente, possono invece costituire una risorsa importante e significativa. Soprattutto per quelli che non hanno risorse di bilancio a cui attingere, quelli che -sin qui- anche solo con i classici ‘fichi secchi’ del noto adagio popolare, sono riusciti a fare cose importanti, magari anche più significative di quelle attuate ammazzando il ‘vitello grasso’….Insomma noi! E insieme a noi TOTEM e anche l’Università del Magentino saprebbero bene come far crescere la quantità e la qualità della vita culturale cittadina, potendo aggiungere alle sempre scarse risorse anche quelle del due per mille! Viene da dire (parafrasando Neil Armstrong-primo uomo a scendere sulla luna), “un piccolo gesto per il singolo, una grande risorsa per la collettività”. Pensateci nel compilare l’Unico!