Home Page

banner testata5

Menu

La Bacheca della Pro Loco Magenta

  • Home
    Home Questo è dove potete trovare tutti i post del blog in tutto il sito.
  • Categorie
    Categorie Consente di visualizzare un elenco di categorie di questo blog.
  • Tags
    Tags Consente di visualizzare un elenco di tag che sono stati utilizzati nel blog.
  • Bloggers
    Bloggers Cerca il tuo blogger preferito da questo sito.
  • Archivio
    Archivio Contiene un elenco di blog che sono stati creati in precedenza.

CLASSICHE

Inviato da in News
  • Dimensione carattere: Maggiore Minore
  • Visite: 59
  • Stampa
  • Segnala questo post

La “Biciniviri”, grande “classica” della Pro Loco, la nostra tradizionale ‘piccola’ “Milano- San Remo”, torna per la gioia di tutti i numerosi affezionati. Qualche volta (ma raramente) il maltempo, o qualche inciampo l’hanno cancellata dal calendario. E qualche anno l’abbiamo pure ripetuta in autunno. In primavera però coi cieli sereni e limpidi delle nostre primavere, col verde spettacolare delle campagne e l’allegria delle fioriture è una emozione particolare. Una poesia! L’itinerario è un po’ sempre lo stesso: i dintorni del Naviglio; talvolta maggiormente appressandoci al Ticino, nel fitto ‘bosco’ rivierasco, a volte attraversando i paesotti vicini, sempre ‘sorpresi’ nella distesa pace della mattina di festa. Insomma una ricarica di gioiosa serenità. Utile per scacciare il residuo grigiume della brutta stagione. E anche per fare un po’ di sano movimento, che non guasta mai. Non tanto utile per perdere i chili di troppo accumulati in inverno; che le poche calorie che si spendono sono ampiamente recuperate dai cornetti caldi della colazione iniziale e soprattutto della abbondante risottata del mezzodì… Ma insomma, un po’ d’olio alle giunture ci renderà più scattanti e vivaci… Un‘altra “classica” è stata ripresa dalla Università del Magentino riadattando un vecchio ‘format’, ideato dalla Commissione Cultura di qualche lustro fa. Si tratta di dare voce ai molti giovani che nei più disparati campi del sapere producono ‘cose’ interessantissime; talvolta vere e proprie eccellenze, che ignoriamo! In breve si tratta di ospitare, in uno spazio dedicato chiamato “LA PAROLA AI GIOVANI”, la presentazione dei risultati dei loro studi o attività. La versione originale era pensata come una vera e propria ripetizione dell’illu- Università del Magentino “La parola ai giovani“ - La Presidente UM, Virginia Bonasegale, Luca Toscano Otto, Sara Monacchi, Prof. Ornella Maltagliati, Ing. Oliviero Trezzi, Chiara Borgonovo, Dott. Giuseppe Rescaldina strazione delle tesi di laurea più interessanti (addirittura con la presenza -dove fu possibile- del docente relatore ecc ecc). Il contorno di queste nuove serate, delineato dalla Prof. ssa Ornella Maltagliati per l’Università del Magentino, si estende su un orizzonte anche più vasto comprendendo sì le tesi di laurea, ma anche studi e ricerche condotte successivamente, o esperienze particolarmente significative le cui illustrazioni possono suscitare l’interesse di un grande pubblico. Le prime due serate sono state un successo! E un godimento dello spirito per tutti i presenti. Come del resto lo sono stati anche i resoconti di viaggio -particolarissimi-, sempre vissuti da giovanissimi del luogo. È un filone assai promettente a cui vorremmo dare il massimo sviluppo. Lancio dunque un appello a chiunque abbia condotto studi e/o ricerche o sappia di qualche tesi di laurea particolarmente interessante prodotta da giovani di questo territorio (Magenta, ma certo non solo: l’Università è significativamente “del Magentino”) affinchè ce lo segnali! Sarebbe bello che per la prossima stagione la Parola ai Giovani possa essere data (in occasioni ovviamente aperte alla libera partecipazione) non in un paio, ma in più numerose serate. Proprio come le bellezze naturali che abbiamo sempre sotto gli occhi, e forse per questo spesso non vediamo, così son sicuro che i nostri giovani custodiscono una miniera ricca di sapere. Esplorare la quale ci potrà rendere -anche in questo caso- scattanti e vivaci. Lubrificando stavolta non le ‘giunture’ ma le menti; che è cosa ancora più importante assai!